E’ buio. I fari dell’auto  di  Alessandro sono già accesi.

Si va per i nostri 28 km.

Daniele è già davanti al “Paolo Rosi” .

Il cielo è plumbeo,  e la pioggia leggera  e silenziosa.

Sul Lungotevere  Flaminio , si sente il cicaleccio di una comunità di pappagalli e poco più in là il  gracchiare delle cornacchie sovrapposto al rauco grido dei gabbiani.

I  sanpietrini per noi iniziano a Via Ferdinando di Savoia.

Entriamo a Piazza del Popolo. Vorremmo farci una foto ma non c’è nessuno.

A Piazza di Spagna siamo più fortunati ed un signore gentile ci accontenta.

Mi sono riscaldato, posso togliermi il cappello di lana anche se continua a piovere.

La sosta per bere la facciamo alla Fontana della Pigna a Piazza Venezia, dove convinciamo dei ragazzi stranieri a farci fare una foto davanti all’Altare della Patria.

Sono quasi le 8,30 e gruppi  di runners   risvegliano via dei Fori Imperiali.

Un “gladiatore” è già al lavoro al Colosseo.

Vorremmo fare qualche giro di pista ,ma lo Stadio delle Terme di Caracalla è chiuso.

Costeggiamo le nude Terme ,saliamo di quota  , battiti sotto controllo  e scendiamo da Viale Giotto verso la Piramide Cestia.

A Testaccio, approfittiamo dell’acqua popolare del nasone  e ci avventiamo sul Lungotevere .

Daniele allunga, Alessandro segue. il ritmo cresce in modo  naturale ,siamo nella parte centrale del percorso :  14° - 18° km.

A Piazza S.Pietro, foto e ristoro (noci e cioccolata) alla fontana delle Tiare prima dello sforzo finale.

Confessiamo un po’ di stanchezza .

Da Via della Giuliana a Lungotevere della Vittoria passando per Piazza Mazzini, è il  tratto che non mi piace , poco ventilato,  urbano e monotono  con i suoi palazzi ,regolari, alti e scuri e troppo schietto sul mio stato di forma.

Le carrozze del nostro “treno” sono sempre più distanti.

Dalla finestra sul Tevere che si apre sulla ciclabile di Ponte Milvio vedo un vogatore remare e  la sua imbarcazione scivolare leggera sul fiume,  mentre io arranco letteralmente con una falcata sempre più corta.

A Ponte Milvio, raggiungo Daniele che si è fermato a parlare con i suoi ex compagni di squadra.

Riprendiamo insieme, ma lui corre  ed io faccio fatica a tenere l’andatura.

Siamo quasi arrivati  e cerco di non pensare a quanti Km mancherebbero se fossi in Maratona

Daniele continua a correre  oltre la meta per onorare  l’obiettivo dei 28 km.

Noi no. Ne abbiamo percorsi circa 27 di km e va bene così!

Saluti. “Buona Domenica”

Alla prossima

Domenico

Logo Skyline Roma Verde Sfondo Trasp

Logo Centrtale del latte trasp 2

 

unicamillus logo payoff

Logo Ciclismo

CALENDARIO EVENTI

testata sito

Sponsor gesscreative

ANDATURA

Accesso Area riservata