Arriva Andrea con la  sua Mercedes sportiva,  è in perfetto orario. Vorrei aspettare  gli atleti della Corsa di Miguel, ma si fa troppo tardi.Rinuncio.

Partiamo io ed Andrea, vogliamo viaggiare a 5’25 e poiché Daniele ha un passo  più veloce del nostro, sarebbe a disagio e  quindi si allenerà vicino casa.

Non parlo del percorso con Andrea, sappiamo solo che dobbiamo fare 21 km.

Andiamo verso il Casale di S.Basilio ed entriamo  nel Parco di Aguzzano, le piogge recenti hanno lasciato il segno,  con pozze di acqua e tratti fangosi.

Con qualche slalom, le nostre scarpe escono indenni.

Il sentiero si snoda tra due distese di cannucce di palude, imbiancate dalla brina notturna  ed illuminate da un sole giovane e rosso che si adagia lievemente come un lenzuolo.

Solitari, attraversiamo il Parco, che prima di affacciarsi su Viale Kant, cambia vestito, il terreno non è più argilloso, è solido e battuto, ,il panorama  è più verde , è più campagna romana che palude, e due file di alti pini ci indicano la strada.

 Attraversiamo  Viale Kant  ed entriamo nella Riserva Fluviale dell’Aniene, qui la vista può spaziare , è tutta campagna, non ci sono alberi che occupano la pianura, gli alberi ,i rovi, sono solamente  lungo le rive dell’Aniene che trasporta  numerosi gabbiani e qualche germano reale.

Non è uno  spettacolo cittadino, è un silenzio di altri tempi ,  con qualche ciclista in lontananza e con  un fotografo che  sulla riva del fiume  sta catturando  queste immagini,  condividiamo il momento.

Siamo oramai al 10° km, la media resiste anche a qualche incertezza di percorso e l’acqua  alla fontanella di Ponte Nomentano è meritata .

Sul ponte un signore anziano accende una candela votiva ad una  Madonna  scolpita in una piccola edicola sulla parete del ponte. Percorriamo   la pista ciclabile, sarebbe troppa la distanza per  arrivare a Villa Ada e dopo 2 km facciamo inversione. Si ritorna a casa  passando per Via Nomentana.

Il ritmo aumenta , e  sulla salita verso il valico “Gallicani”, facciamo il pieno di smog  e rimpiangiamo l’andata. Andrea tiene il passo. Recupero un po’ e via verso San Liborio. All’ingresso  di S.Basilio, Andrea cala un po’.  Faccio girare le gambe , rispondono, non mi volto più indietro e poi cavalcavia e grande sprint finale su Via Poppea Sabina.

Andrea arriva qualche minuto dopo, è una grande impresa la sua, lo accolgo con un applauso, è la seconda volta che percorre i 21 km, 21,350 km per la precisione.

E per gli amanti dei numeri , i miei passaggi a km:

  1. 5’46
  2. 5’20
  3. 5’19
  4. 5’19
  5. 5’26
  6. 5’14
  7. 5’19
  8. 5’33
  9. 5’52
  10. 5’04
  11. 5’45
  12. 5’29
  13. 5’24
  14. 5’11
  15. 5’11
  16. 5’13
  17. 5’39
  18. 5’11
  19. 5’26
  20. 5’18
  21. 5’27
  22. 4’37

Alla Prossima

Domenico

Logo Skyline Roma Verde Sfondo Trasp

Logo Centrtale del latte trasp 2

 

unicamillus logo payoff

Logo Ciclismo

CALENDARIO EVENTI

testata sito

Sponsor gesscreative

ANDATURA

Accesso Area riservata